News

Altre notizie

logoMaurys

Un bagno a prova di germi: pulire non basta, bisogna igienizzare 

Iniziate dal pavimento, proseguite con i muri. Anticalcare su tubature e rubinetti. Poi lavandino, water e bidet. Al detergente aggiungete candeggina. Quindi la doccia: occhio agli angoli e agli interstizi. Se avete la vasca riempitela di acqua bollente e detersivo e fatela agire per una nottata. E infine vetri e specchi


Il bagno è una storia a sé. Non basta una normale pulizia, occorre andare oltre. Serve un’igiene profonda e accurata. Non solo tra le mura di casa vostra, ma a maggior ragione in una casa in affitto magari anche solo per le vacanze estive. Dove fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio.
Ecco alcune regole da seguire per ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo. Iniziate dal pavimento. Passando subito la scopa o, meglio, l’aspirapolvere. In questo modo, eviterete che, partendo dalla pulizia dei sanitari, schizzi di acqua caduti a terra complichino la rimozione della polvere. Secondo passo: dal pavimento alle maioliche dei muri, utilizzando un panno imbevuto di detergente. Che passerete con la massima cura specialmente nelle zone circostanti il lavandino e gli altri sanitari in particolare in corrispondenza delle tubature e dei rubinetti. Sono zone, del resto, dove il calcare può colpire maggiormente. In questo caso lasciate agire l’anticalcare per qualche minuto prima di rimuoverlo con una spugna o con un apposito spazzolino. E arriviamo all’igienizzazione vera e propria. Utilizzate una spugna per pulire lavandino, water e bidet con anticalcare e sgrassatore. Il formato dei prodotti (crema, gel o spray) non fa differenza sul piano dell’efficacia. Il consiglio, quindi, è quello di optare per il tipo di detergente che trovate più pratico. Particolari accorgimenti per il water: immergete lo spazzolino in acqua e versate del disinfettante facendolo agire per qualche minuto prima di scrostare la superficie con una spugna. Se ritenete, aggiungete anche candeggina per aumentare il grado di igienizzazione.
E’ il momento della doccia. Fate attenzione ad angoli e interstizi dove possono formarsi le muffe. Lavate con sapone anche le eventuali tende di plastica. Se avete la vasca, il modo migliore di lavarla è quello di riempirla di acqua bollente versandoci dentro del detergente in polvere lasciandolo agire per una nottata prima di svuotarla e asciugarla. Siamo quasi al traguardo. Non resta che un ultimo passaggio: uno straccio imbevuto di multiuso per pulire vetri e specchi. E il gioco è fatto. 

Condividi questa pagina